Vernazza2020-04-01T12:02:40+02:00

Vernazza

Vernazza, splendido paese del Levante con una tradizione marinara nota sin dall’antichità, caratterizzato dai singolari terrazzamenti per la coltivazione della vite e da un comodo e sicuro porticciolo naturale, è uno dei borghi che costituiscono le Cinque Terre, ed è un comune della provincia di La Spezia.
Posizionato in una baia tra Monterosso al Mare e Riomaggiore, comprendente anche la successiva località di Corniglia, sua frazione, è il secondo borgo tra i restanti quattro che si incontra partendo da occidente.

Le Cinque Terre, cinque piccoli villaggi aggrappati alle rocce, ci vengono alla mente oramai come una filastrocca: Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore; il loro isolamento secolare, dovuto alla difficoltà dei collegamenti, ha aiutato a salvaguardare la bellezza e il paesaggio di un litorale unico al mondo.

Vernazza, dal canto suo, si estende lungo il torrente Vernazzola, ora coperto, risalendo sulle pendici di uno sperone roccioso. Il borgo è contraddistinto dalle tipiche case-torri genovesi, raccolte intorno ad una piazza, e da una fitta rete di sentieri escursionistici, uno dei quali lo collega alla Val di Vara. Due belle spiagge completano lo scenario, mentre a quota 325 metri sul livello del mare si trova il santuario di Nostra Signora di Reggio, apprezzato luogo di preghiera dalle genti del posto. L’ente comunale è costituito da Drignana, Muro, Prevo San Bernardino e, appunto, Corniglia. Vernazza confina a nord con i comuni di Pignone, Beverino e Riccò del Golfo, ad ovest con Pignone e Monterosso al Mare e ad est con Riomaggiore, ed è bagnato dal mare a sud. Il territorio fa parte del Parco nazionale delle Cinque Terre.

Un po’ di Storia

Il nome del borgo deriva dall’aggettivo latino verna, ossia “del luogo”, o “indigeno”. Questo termine sarebbe poi passato, per trasposizione, ad indicare il vino vernaccia, che si produceva nell’antico paese e che quindi era famoso per essere il vino “locale”.  Da qui, sarebbe poi nato l’attuale nome di Vernazza.

LEGGI DI PIU’

Natura

Con l’intento di tutelare e salvaguardare la natura che circonda questo idilliaco tratto di costa, nel 1999 è stato istituito il Parco Nazionale delle Cinque Terre, che segue la più vecchia istituzione dell’Area Marina Protetta. Proprio il mare è la risorsa naturale che, indubbiamente, rappresenta al meglio il territorio: la zona protetta copre tutto l’areale che va da Punta Mesco, a Monterosso, fino a Capo Montenero, sopra Riomaggiore.

LEGGI DI PIU’

Luoghi d’Interesse

Dentro e fuori la città, non mancheranno spazi ricchi di attrattiva o edifici pieni di fascino. Necessaria sarà una visita alla piazza situata davanti al porticciolo, sostando nello slargo meglio noto come “u cantu de musse”, o angolo delle chiacchiere, tradizionale luogo di ritrovo per gli abitanti di Vernazza. Ristoranti, negozi di souvenir e quanto altro necessario per i più mondani lo troverete in Via Roma, incantevole ritaglio di paesaggio ligure con le sue case colorate, i panni stesi al sole e i portali in ardesia che ricordano i primi del novecento.

LEGGI DI PIU’

Ricettività, turismo ed eventi

Tutto il territorio è attraverso da numerosissimi sentieri, con diversi gradi di difficoltà, che consentono agli amanti delle camminate di passare una giornata all’insegna di un benessere a misura d’uomo, scoprendo tutte le Cinque Terre e le loro frazioni più nascoste. A Vernazza, la manifestazione più importante è la Festa Patronale di Santa Maria di Antiochia, prevista il 20 luglio.

LEGGI DI PIU’

Cucina

Come per tutta la Riviera di Levante, quella di Vernazza è una cucina di magro. Poche sono le carni d’allevamento utilizzate, poiché la morfologia del suolo non lo permette. I piatti tipici, tuttavia, non sono pochi, e spaziano da una tradizione culinaria basata su pesce e crostacei, in riva al mare, ad una gastronomia dell’entroterra che è caratterizzata dall’uso di prodotti naturali.

LEGGI DI PIU’

ARCHIVIO RIVISTE

Edizione 2020

SCELTI DALLA REDAZIONE

Loading

Esplora le Cinque Terre

Nella Liguria di Levante, in Italia, esiste un territorio unico, sospeso tra cielo e mare, a prima vista indomito, che lascia esterrefatti e che incanta da sempre… secondo il senso più letterale del termine, perché non trova eguali nel mondo.
Sviluppatosi sull’estrema lingua orientale della regione ligure, coperto da un areale verde e rigoglioso e in posizione dominante sul mare, si conosce e definisce con il nome di “Cinque Terre”.