Deiva Marina2020-04-01T14:55:13+02:00

Deiva Marina

Deiva Marina, località balneare dai mille tesori nella Riviera Ligure di Levante, si posiziona strategicamente tra Genova e La Spezia, attingendo da entrambe in quanto bellezza dei territori. Il più occidentale dei comuni della seconda, ne dista appena una cinquantina di chilometri, per una distanza speculare verso Genova.

Confina a nord con il comune di Castiglione Chiavarese, a sud il Mar Ligure ne addolcisce il profilo, mentre ad ovest, con Moneglia, e ad est con Carro, Carrodano e Framura, si getta tra boschi e pinete profumate.

Dei suoi itinerari, infatti, fanno parte proprio i paesaggi da fiaba di quel tratto di costa che, comprendente Portofino, le Cinque Terre e il Golfo dei Poeti, va da Genova fino all’incantevole Versilia…  Lasciatisi Deiva Marina alle spalle, sulla via per l’occidente e superata Moneglia, potrete arrivare prima a Riva Trigoso e, proseguendo ulteriormente, raggiungere Sestri Levante, con le due bellissime baie del Silenzio e delle Favole.

Deiva è situata nella vallata di due torrenti, il Castagnola e un secondo, omonimo, da cui la città viene battezzata. Il paese è concettualmente diviso in due, da una parte c’è la zona più moderna, disposta lungo il litorale, dall’altra quella più antica, cuore del centro storico, situato in posizione più arretrata rispetto al mare, sulla sponda del torrente Deiva, un tempo via di collegamento con gli altri centri costieri e dell’entroterra. Conosciuta ed apprezzata per il mare pulito, si lascia scoprire a poco a poco, circondandosi della magia del borgo di San Fruttuoso, con la sua Abbazia del X secolo, ed oltre ancora, verso oriente, con quella della Val di Vara, con i suoi borghi dell’età medievale, ma soprattutto facendo da contrafforte alle Cinque Terre, i cinque paesi liguri per eccellenza a picco sul mare.

Deiva Marina è raggiungibile in auto utilizzando il percorso delle vecchie gallerie della ferrovia, che sono tuttavia a senso unico alternato regolato da un semaforo a tempo. Suggestive e a ridosso del litorale, sicuramente rallentano il vostro arrivo a Deiva, ma coronano il viaggio con i panorami tipici per chi sin da subito vuole entrare nello spirito della città di mare. Di seguito vi riportiamo gli orari di percorrenza stabiliti:

  • Da Riva Trigoso a Moneglia: semaforo verde ai minuti 15, 35 e 55 di ogni ora;
  • Da Moneglia a Deiva Marina: semaforo verde ai minuti 05, 15, 25, 35, 45 e 55 di ogni ora;
  • Da Deiva Marina a  Moneglia: semaforo verde ai minuti 00, 10, 20, 30, 40, 50 di ogni ora;
  • Infine, da  Moneglia a Riva Trigoso: semaforo verde ai minuti 05, 25 e 45 di ogni ora.

Un po’ di Storia

I primi insediamenti collinari di Deiva Marina sorgono attorno all’VIII secolo, in corrispondenza degli attuali borghi di Mezzema, Piazza, Passano e Caraschi. Solo successivamente la popolazione inizierà a spostarsi verso la costa, costruendo la vera e propria Deiva in riva al mare, approssimativamente intorno al XI secolo, approfittando altresì del benessere fiorito intorno agli scambi commerciali.

LEGGI DI PIU’

Natura

Tutt’attorno, la Riviera di Levante è caratterizzata da una costa rocciosa alta e scoscesa, con piccole insenature, graziose calette e grotte semisommerse, delimitate da stretti promontori. Su questi cresce rigogliosa la macchia mediterranea, a cui dedicano le loro cure sussiegose la brezza del ponente e un clima rinvigorente; tra un cespuglio di corbezzolo e le abetaie in vista della Val di Vara, ritroviamo una straordinaria diversità di specie animali e vegetali autoctone.

LEGGI DI PIU’

Luoghi d’Interesse

Spicca per particolari e identità religiosa, compresa nella diocesi spezzina, la chiesa settecentesca parrocchiale dedicata a Sant’Antonio Abate, che si trova nel nucleo antico: edificata nel 1730, è di particolare interesse per il sagrato policromo, costruito secondo il tipico tappeto di ciottoli in pietra, detto “a risseau”. A pianta rettangolare, il presbiterio è munito di un’abside semicircolare riccamente decorata, al contrario del bianco rigoroso che illumina il resto dell’edificio.

LEGGI DI PIU’

Ricettività, turismo ed eventi

Spiagge e mare stupendo tra Punta Mesco e l’inizio della provincia di Genova fanno in modo che la vacanza di grandi e piccini sia sempre all’insegna del benessere e di acque pulite, insignite della celebre Bandiera Blu. Pesca o diving a Levanto, baie nascoste e un piccolo approdo a Framura, a Deiva Marina il primo porto a secco della riviera, che favorisce, per chi approfitta del traffico ittico, il ricovero dei natanti da diporto, offrendo minori costi di gestione e con formule personalizzate di contratto.

LEGGI DI PIU’

Cucina

La cucina dalla quale attinge Deiva, è quella magistralmente custodita nei ricettari delle nonne del Levante. Esalta i sapori semplici, prediligendo il pesce e le verdure che la terra ha da offrire, rivisitate in condimenti, salse e torte salate. Dai pascoli e dai boschi arriva la selvaggina.

LEGGI DI PIU’

ARCHIVIO RIVISTE

Edizione 2020

Edizione 2019

Edizione 2018

Edizione 2017

Edizione 2016

SCELTI DALLA REDAZIONE

Loading

Esplora le Baie del Levante

Per definizione, si dice della Liguria che sia un territorio aspro e montagnoso, uno stretto crocevia di sentieri a fronte del suo mare burbero, ma pescoso. In parte è vero, ma è anche vero il contrario: infatti, dove finiscono le Cinque Terre, il territorio della Liguria di Levante prosegue addolcendosi, e formando un crocevia non più di sterrati, profondissime ripe e vitigni giallo paglierino, bensì di anse, spiagge e, alternandosi tra scogliere e calette, baie da sogno.

Identifichiamo questo gradito intermezzo di terre, meritevole, ma non ancora del tutto parco di riconoscimenti, degli stessi riconoscimenti a livello internazionale come le Cinque Terre, col nome di Baie del Levante.